UNA NUOVA RICHIESTA DI INCONTRO AL MINISTRO CENTINAIO

LA LETTERA:

Al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali.

GIAN MARCO CENTINAIO

Oggetto: richiesta di audizione parlamentare urgente

caro Ministro la stagione autunnale è alle porte ed anche la ricerca del tartufo..

Italia 18 settembre 2018

Spettabile Ministro, Le scrivo nuovamente in qualità di Presidente dell’Associazione Nazionale Tartufai Italiani che rappresento questa lettera, sicuro che abbia maggiore attenzione della precedente.

Comprendendo i suoi impegni istituzionali, ma i circa 250.000 al momento non hanno alcuna certezza che il Far-west legislativo intorno al tartufo venga a cessare, per questo come Tartufai Italiani rappresentati dalla nostra associazione Le chiediamo nuovamente che si arrivi, in tempi brevi, alla riattivazione del tavolo di filiera istituito con Decreto Dipartimentale n. 87134 del 23 novembre 2016 ma non solo va istituito un canale di collaborazione tra il suo Ministero, le regioni e i 250.000 tartufai italiani.

Il nostro paese ha bisogno di una nuova legislazione che superi, migliori e rivisiti la legge 752 del 1985 e che finalmente valorizzi il tartufo come eccellenza Made in Italy.

Il tartufo è un fungo spontaneo dei boschi un’eccellenza unica al mondo che si trova in tutte le regioni d’Italia e di cui siamo i fortunati custodi ma che spesso viene marginalizzato e non valorizzato come dovrebbe nel nostro paese, troppe frodi intorno a questo mondo e prodotti della trasformazione venduti come a base di tartufo o all’aroma al tartufo in ogni angolo del mondo che però non hanno mai visto il tartufo.

Tra le nostre priorità:

  • la valorizzazione del tartufo italiano in ogni suo aspetto, culturale, alimentare, tradizionale, rispetto al massiccio ingresso di prodotto estero, citando nelle confezioni di tartufo trasformato o fresco in vendita, la provenienza del prodotto, il tipo di tartufo utilizzato, la quantità presente, attraverso una corretta etichettatura per difendere il consumatore;
  • la tracciabilità della filiera del tartufo a garanzia dei raccoglitori, dei produttori e dei consumatori,
  • l’emergenza del sommerso con una fiscalità semplice, chiara e che non penalizzi l’hobbista;
  • la gestione dei territori tartufigeni per mantenere, ampliare e proteggere e valorizzare le aree di produzione spontanea destinate alla libera cerca.

Come Associazione Nazionale Tartufai Italiani, Le chiediamo un incontro urgente per esporre le nostre proposte con i nostri esperti e rappresentanti scientifici, così da poter dare un contributo competente e appassionato, sulle questioni secondo noi non più rinviabili, partendo dalla conditio sine qua non che:

  • la raccolta dei tartufi deve rimanere libera nei boschi, nei terreni incolti e lungo i corsi d’acqua così come stabilito dall’art. 3 della legge 752/85;
  • il patrimonio tartufigeno deve essere tutelato e protetto con la corretta gestione del territorio e con il contributo di conoscenza e saperi di cui le Associazioni regionali e territoriali dei tartufai sono portatori anche per quanto riguarda la compilazione dei calendari di apertura e chiusura della stagione e l’utilizzo Dei proventi delle tasse legate all’abilitazione del tesserino di raccolta;
  • la provenienza dei tartufi deve essere tracciata;
  • la fiscalità deve essere agile ed equa e riconoscere il carattere hobbistico che la cava dei tartufi ha per molti soggetti;
  • i contributi regionali versati per i tesserini di abilitazione devono essere uguali per tutte le regioni ed utilizzati per la protezione del territorio e lo sviluppo delle aree vocate dopo aver sentito il parere delle associazioni regionali;
  • Le regioni, per conseguire i mezzi finanziari necessari per realizzare i fini previsti dalla presente sono autorizzate ad istituire una tassa di concessione regionale annuale, ai sensi dell’articolo 3 della legge 16 maggio 1970, n. 281, per il rilascio dell’abilitazione di cui all’articolo 5, pari a 100 euro e valido per accedere alla raccolta in tutte le regioni d’Italia. Il versamento sarà effettuato in modo ordinario sul conto corrente postale intestato alla tesoreria della regione la quale destinerà questi fondi allo sviluppo e la protezione del territorio tartufigeno sentendo le associazioni regionali e lavorandoci insieme.
  • Le superfici delle tartufaie controllate devono avere un limite provinciale calcolato sulla percentuale reale di territorio vocato e riconosciuto dalle associazioni territoriali e regionali per non compromettere la libera ricerca e comunque devono essere limitate il più possibile, le concessioni devono avere tempi certi e non essere rinnovate in eterno, i piani di miglioramento devono essere redatti da professionisti aventi titolo pena decadenza della concessione.
  • Abolizione della tabellazione dei terreni vocati dei piccoli Comuni in quanto lesive della legge nazionale recepita dalle Regioni e che attraverso gli “usi civici” stanno penalizzando la libera ricerca dei tartufai, a vantaggio di poche famiglie residenti rispolverando un decreto regio del 1908;
  • Le aliquote fiscali devono essere differenziate per i raccoglitori occasionali riconoscendo una esenzione entro la soglia di 7.000 euro e i raccoglitori professionali sopra la soglia di 7.000.

Certi del vostro interesse e sicuri che ci verrà concessa una audizione e la possibilità presso il Ministero in tempi brevi le porgiamo i nostri più delicati e profumati Auguri di buon lavoro.

Riccardo Germani

Associazione Nazionale Tartufai Italiani